Tutte le mostre di Mi Guidi

ATTUALMENTE IN PROGRAMMAZIONE
MOSTRA MANET E LA PARIGI MODERNA A PALAZZO REALE

Vota questa visita
(0 Voti)

La mostra verte sul tema della Parigi degli anni che vanno dal 1850 al 1880, periodo in cui si susseguono due Esposizioni Universali che contribuiscono a trasformare totalmente il volto della città, candidandola a diventare la capitale delle capitali. Specchio fedele di questo cambiamento sono Manet e i pittori della sua cerchia che, con i loro capolavori, testimoniano la trasformazione di questa città e del suo paesaggio.

Sono circa 100 le opere essposte. Oltre a 17 capolavori di Manet ci sono anche opere di Cézanne, Monet, Degas, Gauguin e Renoir solo per citarne alcuni. La mostra ha al suo interno due macro-sezioni. Da un lato, infatti, si vuole ripercorrere l'evoluzione artistica di Manet e il suo modo di fare pittura, dall'altro - invece - si è voluto dare spazio alla Parigi di Manet, quella che traspare dai suoi dipinti così come sta cambiando nel corso di quel trentennio.

La scelta di intitolare proprio a Manet la mostra e incentrarla sui suoi dipinti non è casuale. Il pittore, infatti, fu un personaggio estremamente carismatico e riuscì a creare intorno a sé una cerchia di artisti che, sul suo esempio, cambiarono il modo di intendere la pittura fino a quel momento. Manet, infatti, seppe fondere in modo perfetto i tratti della pittura più classica con un'idea di modernità e di libertà che furono sempre il tratto distintivo della corrente dell'Impressionismo pittorico alla quale proprio Manet diede vita con l'opera "La colazione sull’erba" esposta per la prima volta nel 1863. Caratteristica principale dell'Impressionismo fu soprattutto quella di utilizzare una tecnica "veloce" di pittura che permetteva agli artisti di catturare in modo rapido gli aspetti principali della realtà, proprio come in una fotografia, molto spesso all'aperto. Anche i ritratti erano realizzati nello stesso modo, privilegiando scene di vita vissuta oppure la luce reale dei paesaggi piuttosto che la perfezione tipica della pittura classica. Proprio per questo motivo, nella pittura impressionista il colore assume un'importanza fondamentale, con grande rilievo dei chiari e delle ombre, anche utilizzando tonalità insolite come il nero per gli alberi. La necessità di dipingere all'aperto influenzò in modo importante anche il formato dei dipinti in quanto si diffuse l'abitudine di impiegare tele più piccole e facilmente trasportabili.

Prossime visite programmate:

Logo star-snippets.com